La Comunicazione Aumentativa e Alternativa è il termine usato per descrivere tutte le modalità che possono facilitare e migliorare la comunicazione delle persone che hanno difficoltà ad utilizzare i più comuni canali comunicativi, soprattutto il linguaggio orale e la scrittura.

Recentemente il Comitato Scientifico di ISAAC Italy ha presentato l’importante documento intitolato CAA e condizioni dello spettro dell’autismo.

comunica

La CAA – Comunicazione Aumentativa e Alternativa

La CAA – Comunicazione Aumentativa e Alternativa è un’area della pratica clinica che cerca di compensare la disabilità temporanea o permanente di persone con difficoltà di comunicazione, utilizzando sistemi di simboli o immagini.

Si tratta di una tecnica che richiede la formazione di genitori, operatori e del bambino e che funziona al meglio tramite una supervisione a domicilio da parte dello specialista.

Si parla quindi di comunicazione aumentativa perché l’obiettivo è quello di arricchire, completare, implementare al massimo le abilità comunicative naturali della persona con disabilità verbale, alternativa perché si utilizzano strategie diverse da quelle verbali, come tabelle, simboli, immagini, scritte e software dedicati, scelti in base ai bisogni specifici e alle possibilità del paziente.

Nell’ambito dell’età evolutiva, la CAA viene proposta a bambini con paralisi cerebrali infantilisindromi genetichedisprassia (incapacità di compiere movimenti volontari), ritardo mentalesordità grave e alcune forme di autismo.

CAA e condizioni dello spettro dell’autismo

ISAAC Italy

È la sezione italiana dell’ISAAC – International Society for Augmentative and Alternative Communication e raduna nel nostro Paese le persone interessate e coinvolte nella CAA, i loro familiari e amici, oltre ai professionisti, ai tecnici e alle aziende che distribuiscono in Italia ausili e materiali per tale metodica.

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@isaacitaly.it.

Tag:, , , ,